31 Luglio 2019 francesco

Breve storia della PROIEZIONE

Illustration of a blue stage light beam background

Sapevate che la storia della proiezione risale al passato per oscurità della macchina fotografica e lanterne magiche, ma che fu lo sviluppo dell’ottica tra la fine del XVI e l’inizio del XVII secolo che ebbe un impatto notevole sulla proiezione come la conosciamo oggi?

DOVE È INIZIATO TUTTO
All’incirca possiamo dividere la storia della proiezione nelle seguenti epoche:

  • Sistemi di proiezione molto precoci (sistemi di proiezione pre-obiettivo)
  • Proiezione analogica (lenti e ottica)
  • Proiezione digitale (obiettivi di fascia alta, ottica e fonti di illuminazione)

La storia della proiezione sia analogica che digitale è stata fortemente influenzata dallo sviluppo dei computer. Le innovazioni hardware e software alla fine degli anni ’80 e ’90 hanno dato slancio allo sviluppo di moderni sistemi di proiezione digitali, ad alta luminosità.

Ma torniamo indietro di alcuni secoli a dove tutto è iniziato ovvero LA CAMERA OSCURA.

Le informazioni scritte sul principio della camera oscura risalgono al IV secolo a.C. negli script attribuiti al filosofo cinese Mozi. La lanterna magica può essere vista come uno sviluppo della camera oscura.

MIGLIORE TECNOLOGIA NEL XVII E XVIII SECOLO
Mentre principi di proiezione molto rudimentali come la camera oscura sono in uso da migliaia di anni, dobbiamo spostarci all’inizio del 1600 e oltre per iniziare a vedere invenzioni tecnologiche che avranno anche un impatto notevole sui sistemi di proiezione odierni. I componenti ottici utilizzati allora, come lenti e prismi, fanno ancora parte dei moderni sistemi di proiezione.

LANTERNA MAGICA  (1659)
Lo scienziato olandese Christiaan Huygens è generalmente riconosciuto come il vero inventore della lanterna magica, un precursore del tradizionale proiettore di immagini (basato su diapositive). La più antica documentazione della lanterna magica è datata 1659 da Christiaan Huygens ed è composta da dieci piccoli schizzi di uno scheletro che gli toglie il cranio. Su questo documento ha scritto “per rappresentazioni per mezzo di vetri convessi con la lampada” (tradotto dal francese).

Per creare la proiezione, il vetro fu dipinto, con vernice nera utilizzata per bloccare la luce non destinata alla proiezione. Inizialmente, per proteggere la vernice è stata applicata una lacca trasparente, mentre le versioni successive hanno utilizzato il vetro di copertura per la protezione. Le sorgenti luminose utilizzate in quel momento erano candele e lampade a olio, che ovviamente limitavano significativamente la potenza luminosa di un tale dispositivo di proiezione.

Spostandoci rapidamente di alcune centinaia di anni, questa tecnologia di proiezione è stata sostituita da una versione molto più compatta: il proiettore per diapositive da 35 mm, con una fonte di illuminazione notevolmente migliorata.

EPISCOPIO (1756)
L’episcopio fu inventato dal matematico, astronomo e ingegnere svizzero Leonhard Euler intorno al 1756. Un episcopio è un sistema di proiezione che utilizza materiali opachi per creare l’immagine proiettata, facendo brillare una lampada luminosa sull’oggetto dall’alto. Specchi, prismi e lenti vengono impiegai per focalizzare l’immagine creata dal materiale su uno schermo di visualizzazione.

Nel 1872, il concetto fu ampliato da Henry Morton che usò un proiettore opaco per creare proiezioni per un pubblico più vasto. Per raggiungere questo obiettivo, ha impiegato una lampada a ossido di idrogeno posta vicino al dispositivo di proiezione. Ciò gli ha permesso di creare un’immagine chiara e proiettata per il pubblico al Teatro dell’Opera di Philadelfia, con una capienza di ben 3.500 posti.

Old retro movie projector with smoke and light beam

IL CINEMA
Il primo proiettore cinematografico fu lo Zoopraxiscope, dal pionieristico fotografo britannico Eadweard Muybridge; nel 1879 (non un refuso ma l’originale forma anglosassone di Edward!). Per creare movimento, Zoopraxiscope proiettava rapidamente immagini da dischi di vetro rotanti.

Ma furono i fratelli Lumière a inventare il primo proiettore cinematografico di grande successo basato sul lavoro dell’inventore francese Léon Bouly: il cinematografo. Questa era una macchina da presa, un proiettore e una stampante. Il primo film dei fratelli Sortie de l’usine Lumière de Lyon, fu girato nel 1894 e proiettato pubblicamente nel 1895. All’Expo di Parigi, i film dei fratelli Lumière furono proiettati su un grande schermo di 16 per 21 metri.

Questi proiettori di film analogici hanno continuato ad evolversi fino alla fine del 2000, dove sono stati gradualmente sostituiti da proiettori cinematografici digitali. I proiettori digitali offrono una serie di vantaggi rispetto ai proiettori cinematografici tradizionali e la digitalizzazione del cinema moderno era inevitabile. Senza parti in movimento tranne le ventole (e i dispositivi di imaging), i proiettori digitali sono relativamente compatti, non hanno rotoli di pellicola che strappano o mostrano graffi (quindi non è necessario cambiare la bobina a metà schermo) e la distribuzione dei contenuti è molto più semplice. Inizialmente i film venivano spediti fisicamente, ma la distribuzione digitale interamente elettronica ha eliminato le spedizioni di supporti fisici.

ANDANDO AVANTI
Dagli anni ’50, le generazioni sono state esposte a presentazioni infinite e faticose, a foto di vacanze intorpidite o a lezioni di storia e arte nelle scuole. Durante uno di questi episodi, sono riuscito ad addormentarmi, ho dato una mancia alla sedia e mi sono squarciato la guancia, segnato per la vita dalla pura noia!

Projection_history3 Tuttavia, tutt’altro che gli usi per proiettori di diapositive non erano ispirati; l’uso creativo dei proiettori per diapositive (molti dei quali contemporaneamente) è stato uno dei motivi per cui Dataton è entrato nel mondo del multi-display, introducendo PAX, un’unità di controllo a quattro proiettori (segui i cavi rossi nell’immagine nella scatola nera!) .

Se facevi parte del settore AV negli anni ’70, ’80 e nei primi anni ’90, ricorderai il suono dei proiettori di diapositive che avanzano mentre si esibiscono spettacoli multi-immagine, come quelli di Expo 67, 85 e 88.

L’ERA DEI CAPITOLI
Il proiettore ambientale si basa sugli stessi principi del proiettore per diapositive da 35 mm, ma differisce per il fatto che i lucidi (diapositive) utilizzati sono molto più grandi, spesso fino al formato A4 o US Letter. Alla fine degli anni ’50, i proiettori a soffitto si trovarono anche nelle scuole e nelle aziende. Questa tecnologia è rimasta popolare fino alla fine degli anni ’90, quando altri metodi di proiezione hanno iniziato a fare colpo. Una variante LCD (Liquid Crystal Display) di questa tecnologia ha preso vita nei primi anni ’80, consentendo la riproduzione di contenuti da computer e lettori video (videoregistratori). Inizialmente era limitato al monocromo, ma alla fine del decennio potevano mostrare anche i colori.

Sia i riproduttori video che i proiettori a soffitto danno vita a vivaci ricordi di insegnanti frustrati. Quanto è sembrato difficile, per assicurarsi che il video effettivamente riprodotto e per assicurarsi che il trasparente ambientale fosse orientato correttamente.

DAL CRT AL DIGITALE
Sono successe molte cose nella storia della proiezione negli anni ’50 – come l’arrivo di quelle gigantesche navi di proiezione che utilizzavano il tubo a raggi catodici (CRT) per generare l’immagine. Per creare il colore, avevano tre CRT separati e il loro obiettivo. È stato divertente allineare un proiettore CRT … Con l’introduzione dei videoproiettori digitali (LCD e DLP – Digital Light Processing), i proiettori CRT sono morti alla fine degli anni ’90 e all’inizio del 2000.

Tuttavia, a causa del fatto che questo tipo di proiettore ha caratteristiche prestazionali molto specifiche e di alta qualità (livelli di nero intenso, nessuna sfocatura da movimento e lunga durata) come richiesto in diverse applicazioni di nicchia, sono rimasti in uso molto più a lungo. In effetti, puoi ancora trovare simulatori che li usano oggi.

L’era della proiezione digitale iniziò tra la fine degli anni ’90 e l’inizio degli anni 2000, quando tecnologie come Digital Light Processing (DLP), cristalli liquidi su silicio (LCOS) e LCD (display a cristalli liquidi) divennero disponibili a prezzi accettabili. Questi proiettori erano più piccoli, economici e digitali; tutte caratteristiche che sono molto apprezzate da chiunque sia interessato alla proiezione. Oggi puoi trovare di tutto, dai minuscoli proiettori pico delle dimensioni di un fiammifero con una manciata di lumen, fino alla più grande bestia ad alta risoluzione che vanta fino a 60.000 lumen.

Al momento della stesura di questo, Barco sembra essere in testa quando si tratta del proiettore fabbricato in serie più luminoso del mondo, con 75.000 ANSI lumen nel loro proiettore XDL-4K75. La proiezione digitale supera la risoluzione con il suo proiettore digitale 8K: INSIGHT Laser 8K, insieme a JVC con il loro mercato home cinema DLA-RWS3000 e DLA-NX9 – entrambi con risoluzione 8K. Detto questo, la maggior parte dei produttori di proiettori ha annunciato o dimostrato proiettori con risoluzione 8K. Il futuro sembra sicuramente brillante!

,

Contattaci per ricevere informazioni